AL SANZIO DI URBINO: I PROMESSI SPOSI ALLA PROVA DI GIOVANNI TESTORI
di Graziella Manno_Territoriomusicale.it

I promessi sposi alla prova.


Appena sentito che a teatro ci sarebbe stata la messa in scena de I promessi sposi, mi sono chiesta come fosse possibile rendere la complessità dell’opera senza sminuirne il senso.


Come era possibile rendere la molteplicità dei luoghi, dei personaggi e dei contenuti manzoniani?


E che voleva dire i promessi sposi alla prova?

 E’ stato possibile, e questo va ascritto alla genialità di Testori, grazie allo stratagemma dell’interruzione. Interruzione perché durante le prove il regista ha la possibilità di aggiustare le complesse pagine manzoniane interrompendone la compattezza e l’inesauribile trama letteraria.

 Il romanzo è stato alleggerito del  pesante tessuto narrativo e il regista, al suo posto, ha fatto risaltare i protagonisti; i personaggi campeggiavano sul palcoscenico in tutta la loro grandezza e con un esatto trasposto scenico.

 E’ la storia di grandi anime sopraffatte o dal bene o dal male e che con la potenza delle loro azioni aiuteranno o ostacoleranno i due giovani innamorati. Ecco quindi Don Abbondio con la sua pusillanimità, Ludovico con il suo innato altruismo, la Signora di Monza con la sua dannata grandezza, Don Rodrigo arrogante potente di infimo livello.


E questa volta, a teatro, non predomina l’onnipotente provvidenza, entità salvifica per chi se la merita, questa volta i personaggi sono essi stessi creatori del loro destino consapevoli che la morte sarà loro giudice per le azioni compiute in vita.

 La tragedia si alleggerisce e dà modo al personaggio di tenere la scena, quella scena che spesso è costretto a lasciare nel testo scritto per far spazio alla volontà dello scrittore.


Tiezzi si prodiga nel rendere vive e calzanti le indimenticabili figure manzoniane, archetipi dell’essere umano combattuto tra il bene e il male; camaleontico costruttore di tipi e capace di annullarsi per dar anima a personaggi ormai segnati dalla patina letteraria.  

Voto: 10/10
radio
TEATRO
del 13/01/2014

TeatrOltre 2014, un palcoscenico per le più importanti esperienze del teatro di ricerca italiano, festeggia il decimo compleanno con un’edizione ricca che presenta fino a maggio quindici spettacoli che parlano i linguaggi più innovativi della scena.

TEATRO
del 20/03/2012

Urbino. Teatro Sanzio. 15 novembre 2011. ART Di Yasmina Reza, regia di Giampiero Solari.

Gigio Alberti, Alessio Boni, Alessandro Haber alias Serge, Marc, Yvan, tre amici davanti a un quadro bianco, un capolavoro d’alto prezzo.

MUSICA
del 29/09/2011
Questa è la storia di un'affascinante sirena delle tenebre, e di come, dopo un'avventura nella terra del sole, si è trasformata in un curioso incrocio tra una flapper e una zapatista, che marcia a tempo di ritmi new wave suonati da una banda di mariachi.   
MUSICA
del 27/07/2011

Immobilità. La teoria dei piccoli movimenti. Canalizzare l’energia. Cos’è l’energia? Immaginiamo processi biologici, carboidrati che si trasformano in carburante.

MUSICA
del 26/07/2011

Quando si ha davanti un quartetto di tale peso artistico lo spazio, seppur monumentale quanto autorevole, passa in secondo piano. E’ questa l’impressione che ho provato ieri sera al Teatro della Fortuna di Fano quando JOHN MCLAUGHLIN, dopo le presentazioni, ha acceso la macchina musicale.

TEATRO
del 28/01/2011

Appena sentito che a teatro ci sarebbe stata la messa in scena de I promessi sposi, mi sono chiesta come fosse possibile rendere la complessità dell’opera senza sminuirne il senso.


Come era possibile rendere la molteplicità dei luoghi, dei personaggi e dei contenuti manzoniani?


E che voleva dire i promessi sposi alla prova?

TEATRO
del 28/01/2011

Recensione dello spettacolo del 10 dicembre 2010 al Teatro Sanzio di Urbino.

Tra la variegata gamma dei personaggi boccacceschi del Decameron, il regista ha scelto Masetto, umile popolano che s’improvvisa contadino di un convento femminile per potersi approfittare delle ingenue sorelle dedite alla preghiera e alla penitenza. Feroce, come sempre, la sferzata polemica del poeta nei confronti di una religiosità ipocrita, svuotata del primitivo valore e di pura convenienza.

TEATRO
del 04/03/2010

Gabriele Lavia ha presentato la sua versione della commedia di Shakespeare
al Sanzio di Urbino.

Gabriele Lavia con il suo “Molto Rumore per Nulla” rivisita la commedia Shakespeariana adottando una forma teatrale simile alla commedia dell’arte, sia nello stile recitativo che nel rapporto tra attori e pubblico.

SOCIETÀ
del 27/01/2010

A24020. Elisa Springer, mi aveva mostrato il suo sottile avambraccio sinistro. A24020, inciso sulla pelle, inchiostro blu, caratteri piccoli. Un numero indelebile. «Questo era il mio nome ad Auschwitz. E’ come se continuassi a vivere lì. Non eravamo persone. Ci chiamavano pezzi».

MUSICA
del 17/06/2008

Cos'è per te la musica?

Da una domanda banale, una video inchiesta.

iscrizione newsletter
Copyright © 2014 - Powered by mediastudio